L'educazione artistica serve?

Il discorso sull'arte e poi il POST sull'arte e le citazioni  è nato ieri sera allorché ho regalato alle figlie di una delle mie migliori amiche 3 librettoni (quelli con le pagine in cartone grosso) di le ballerine di Degas (amore folle) Monet (ninfee e giardini) e il terzo di un museo italiano importante. Siccome era tardi non sono stata a spiegarglieli come avrei dovuto.
La ragazzina più grande ha espresso la sua inquietudine verso un quadro... questo..
 Allora gli ho spiegato che bisogna andare oltre il disegno in sé. Degas amava queste ballerine e loro mondo.
In pratica se avessero capito Degas artista avrebbero potuto apprezzare le sue ballerine o almeno non vederle con gli occhi della superficialità, ovvero brutte.
Gli ho detto via audio che martedì glieli avrei spiegati.

Interviene un'altra mia amica nel gruppo Whatsapp  che dice che era meglio regalare  del cioccolato alle bambine. Arte culinaria intendeva. Cosa peraltro già fatta.
Ma il discorso era che se educhiamo i nostri figli ad avere un senso artistico. In questo caso della pittura. Un amore per l'arte, qualsiasi essa sia, in qualsiasi forma essa si esprima si avranno poi ragazzi e adulti sensibili e poco omologabili dal sistema ma propensi a pensare con la propria testa. Come lo sport gli insegna a rispettare gli altri ed imparare che l'impegno premia, imparare a fare squadra, l'arte serve per tutto il resto.

E Voi cosa ne pensate?



Commenti

  1. Penso che alla base di un'educazione artistica debba starci una vocazione. Se diventa solo un'ambizione di un genitore l'educazione artistica sere solo a incrementare i guadagni di la impartisce.
    Ciao Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo sicuramente ma nel mentre cresce e capisce cosa vuole divenire, io credo che sappia riconoscere una ballerina di Degas accresce la sua qualità come persona.
      Io parlo di bambini che dovrebbero essere avvicinati a un po' tutte le arti come allo sport.
      Tutto a dimensione bambino!

      Elimina
  2. Si sente il bisogno di conoscere l'arte quando ormai è troppo tardi, anche se non è mai troppo tardi per conoscere qualcosa che appassiona. Ciao Anna.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla tua età come alla mia è tutto più problematico ma i bambini hanno la vita davanti. Facciamo in modo che sappiano viversela davvero per quanto il mondo che li aspetta possa dare loro.

      Elimina
  3. Sono assolutamente d'accordo. Bisogna stimolare gli altri alla cultura e all'arte, di qualsiasi tipo.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove riesco spingo alla sensibilità artistica^^

      Elimina
  4. Ho sempre odiato la storia dell'arte a scuola, infatti mi davano il sette accademico, soltanto perché nelle altre materie avevo 9 e 10.
    Ma credo di non aver mai studiato una sola pagina di quei libri, nè fatto un unico disegno.
    Proprio non mi garbava.
    Mi perdoni? 😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😱h mondie...
      E vabhe!
      Comunque l'arte a scuola è una cosa diversa dal fare arte o sentirla.

      Elimina
    2. Capisco Claudia. Io adoro l'arte e la pittura ma se avessi dovuto invaghirmene grazie al mio professore delle medie di Storia dell'arte, penso che non sarei mai stato al Louvre né avrei mai apprezzato un qualsiasi dipinto.

      Elimina
    3. PS: hai fatto benissimo a regalare quei libri, con lo spirito giusto ossia quello di permettere loro di conoscere tutto e quindi poi decidere cosa amare.

      Elimina
    4. Erano libri creati per i bambini.
      Quindi adatti a loro.
      Solo che dovevo spiegarglieli ma non avevo tempo.
      Pazienza mi rifarò!

      Elimina
  5. Il concetto stesso del blog è condividere un qualcosa che possa ispirare un quacos'altro.

    RispondiElimina

Posta un commento