News su Postepay: Cambia iban.

Già operare con poste mobili non è una passeggiata di salute... poi appena ti abitui cambiano le regole u.u e ti scende lo sclero.

Le mie avventure con poste italiane...

Per recuperarePostaid

Ad ogni qual modo dal 1 Ottobre la piattaforma dedicata alla telefonia mobile, Poste Mobile, entrerà a far parte della famiglia di Postepay.
I cambiamenti per gli utenti non mancheranno, a partire da una modifica che sta facendo molto discutere

DAL 1 OTTOBRE tanti codici IBAN associati alle carte Evolution cambieranno. Gli utenti a stretto giro hanno ricevuto o riceveranno comunicazione tramite lettera raccomandata da Poste Italiane con la comunicazione del nuovo codice valevole per i movimenti monetari.

Per gli utenti, fanno saper dal quartier generale della compagnia, non ci saranno grandi conseguenze. Per la durata di dodici mesi, tutti i movimenti indirizzati al vecchio IBAN saranno reindirizzati alla carta con nuovo codice. Questo per evitare fraintendimenti e contestazioni da parte degli utenti meno informativi.

Leggi anche: Postepay, vi mostriamo quali sono i regali di settembre per tutti i clienti

L’unico disagio è per chi ha addebiti diretti come stipendio o pensione sulla propria carta. Costoro dovranno comunicare all’ente di riferimento il nuovo IBAN.

Il motivo di tale modifica sta tutto nel nuovo assetto societario di Postepay. “L’operazione è concomitante con un’operazione societaria di trasferimento di ramo d’azienda, che determina la nascita di Postepay S.p.A”., queste sono le parole di Poste Italiane.

Commenti

  1. Che rottura di palle...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo se ricevi pagamenti sulla carta diventa una scocciatura altrimenti non devi fare niente.

      Elimina
  2. Per fortuna non ho rapporti con le Poste da almeno dieci anni.
    Tornassero ad occuparsi solo di corrispondenza e di bollette.
    Tanto sanno far danni anche lì..

    RispondiElimina
  3. La comunicazione delle Poste non era una novità, per chi usufruisce dei servizi on line se ne parla da maggio. Penso che sia un'iniziativa utile, visto che si adegua alle nuovi leggi antifrode.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so. Ma non è il cambiamento il problema ma gli ingranaggi postali che sono macchinosi e quindi anche ogni novità diventa di cambiamento pesantuccia.

      Elimina

Posta un commento