Con gli occhi rossi di chi ha corso troppo oppure pianto...non me lo ricordo: si volta pagina e si ricambia look come se fosse la mia pelle...

Si volta pagine! Anzi si incomincia un libro nuovo dove non c'è memoria di vecchi amori o storie. Si disinpara che non c'è amore per una vecchia giovane ragazza.
Non ce futuro davanti ma è sempre un cadere a capofitto.
Invece no...
Parlerò per ultima volta di Icaro, il topino della mia vita. Non volevo perdonarlo perché non volevo lasciarlo andare ma il bene che gli ho concesso non ammetteva compromessi. A prescindere da me non è tornato e non tornerà e io realmente non posso più stare ad aspettarlo.

Si ricomincia sempre da qui: confusa ma libera. Con nuovo look al blog come se fosse una nuova pelle.
Ho ricongelato Istangram e facebook,  con tutti i suoi ricordi. Non l'ho fatto per lui o altri ma per me. Da un po' cerco un'altra strada, un altro tipo di realtà, dove i social non servono.
Rimane il blog e rimango io e spero di tenervi ancora per molto compagnia^^



Commenti

  1. Nuovo tentativo, io sono fiducioso e tifo per te :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io vincerò!!! Viinceerooooò!!!!
      (La senti la musichetta della Turandot di nessun dorma? ;)

      Elimina
    2. Mi piacerebbe inserite un Player nel blog dove appena accedi parte la musichetta e si capisci che aria tira 😅

      Elimina
  2. Non mi permetto mai o quasi mai di scrivere commenti off topic perché odio chi lo fa sul mio blog e quindi parto sempre dal principio "Non fare agli altri…" ma volevo lasciare anche da te oltre che da Patricia il frutto delle tue cinque parole. E poi volevo dirti che se ho scritto questi versi in parte è anche "colpa tua :-)))" e della scelta delle parole che hai fatto.

    "FRONTESPIZIO"

    Epilogo del tuo percorso respiratorio
    E subito il pensiero va
    Al FRONTESPIZIO della tua vita
    Con il libro della tua esistenza ancora da scrivere.

    Vita vissuta lontano da ogni stereotipo
    Cercando di essere sempre ARCHETIPO
    E non banale fotocopia e volgare riproduzione
    Di un elemento della massa.

    Tu
    CALZINO spaiato
    Fai fatica a trovare la tua collocazione
    In una società piatta ed incolore
    Dove METEORE improvvisate
    Sono acclamate dall'alba al tramonto
    Ed infine sputate nel dimenticatoio

    E poi "avanti il prossimo agnello sacrificale"
    Innocente
    Ma colpevole per la sua ignoranza
    Colpevole di accettare questo stato di cose
    Colpevole di credere a tutte le menzogne
    Che gli fanno bere.

    Pià che vittima sacrificale
    Alcolizzato di imbecillità.

    Ci siamo
    Rastrellano a tappeto
    Mi prendono
    Oramai sono pronto per il mio destino

    CUCINA a gas
    Respiro gli ultimi istanti di una vita
    Vissuta come ho voluto anche se ne ho pagato il prezzo

    Ultimi istanti
    Prima di essere servito
    Con mio "grande onore"
    Come portata principale del vostro menu.

    DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow!!! Mi si arriccia la codina dall'emozione 🐁 grazie 🐀 ♡

      Elimina
  3. Sono contento che ti sia piaciuta, erano cinque belle parole meritavano questi versi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei tu che le rendi belle le parole 😌. La similitudine del calzino spaiato magari anche bucato 😅 mi piace moltissimo!!!

      Elimina
  4. Spero che questo nuovo inizio ti conservi un mare di meraviglie. Un grosso in bocca al lupo ed un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Una volta si cambiava taglio o colore di capelli..
    Adesso si rinnova il blog. Ahahha
    Scherzo. Spero che tu possa trovare la tua strada.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I capelli li ho già corti 🤣
      Ma comunque il blog mi rappresenta di più 🤩

      Elimina

Posta un commento