Chissà...

Chissà se quel laghetto solitario e aristocratico che sta nelle sue attitudini saprà farsi fiume per potermi raggiungere.
E chissà ancora e chissà mai se a quel laghetto così sereno piaccia davvero un fiumicciattolo che diviene cascata.
Che riesca a morire e poi vivere di quelle acque a volte così chete e altre così tumultuose. Quelle acque che arrivano dal percorrere la cima e scivolare in essa.

Commenti

  1. Ma che bel pensiero, dà speranza e fa anche emozionare.
    Speriamo che questo tuo desiderio si possa realizzare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che non soffra troppo il mal di (a)mare

      Elimina
  2. Al mal di (a)mare nessuno può sottrarsi, neppure quel laghetto tranquillo, perché l'amore ci fa sentire vivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dipende da chi ti ama... sr un dolce ruscello o una tonante cascata...

      Elimina
  3. Queste parole di speranza sono una vera forza. Si realizzeranno. Buon pomeriggio.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Risalilo tu, quel fiumiciattolo, fino al laghetto: no?^^

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Anna, sei un fiume in piena che da un momento all'altro potrebbe tracimare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so. È nella mia natura. Non potrò impedirlo e così sia.

      Elimina

Posta un commento