Momenti

C'è un momento Fra me e me
Che io parlo con te.
Ho smesso da tempo di impedire questo.
Lascio dunque che i ricordi si specchino nelle cose del presente e che poi il gelo e silenzio, l'essenza stessa dell'assenza, torni e porti via tutto, là dove sei scivolato dentro me.

Commenti

  1. L'assenza non è nulla.
    Un tavolo poggiato contro l'oceano del silenzio,
    dell'inchiostro, della carta.
    Tutto è molto forte, la notte svanisce o
    la notte viene, non ho paura.
    La testa un po' inclinata, guardo solo il foglio di carta.
    Le parole volano via e tu sei là. L'assenza non è nulla,
    un po' di tempo purissimo per inventare domani.
    L'assenza è un'assoluta neutralità, indifferenza,
    quiete apparente, stasi, uniformità opalescente
    e grigiore appena tiepido.
    Io non c'entro nulla con le more nei boschi d'estate,
    le conversazioni attorno al tavolo di cucina sgranando piselli,
    il profumo delle mele in cantina,
    la voce di chi si ama che dice più di
    quanto dicano le parole,
    il rosso cupo di un bicchiere di Porto da centellinare,
    il lieve fruscio della dinamo contro la ruota
    durante una pedalata notturna.
    Istanti preziosi, che vanno colti nella loro
    immediatezza e assaporati con tranquillità.
    La Première gorgée de bière
    Philippe Delerm

    RispondiElimina
  2. Splendida la poesia che ti ha regalato Gus.
    L'assenza però è tanto, è troppo da sopportare. Altro che nulla. E lui lo sa bene, in realtà. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era per me, era per tutti quelli che al buio vorrebbero vedere un lumicino accesso che ci traghetti lontano da tutto questo buio.

      Elimina

Posta un commento