Budapest (vista da me)


Ciao a tutti, oggi vi porto nella fantastica Budapest, luogo magico fra natura e storia con tante cose da scoprire.
E la seconda volta che vado ma regala sempre emozioni meravigliose.
Se volete andarci, seguitemi questo post in cuo vivremo insieme la fantastica avventura e tutto ciò che da scoprire e sopratutto da sapere.

Come tutti i miei post fa viaggi inizio sempre dalle origini del viaggio perché un viaggio organizzato non è una garanzia ma comunque ci va vicino.

Inizio con il parlarvi di internet e chiamate.

Iliad non va benissimo. La tre Si è attaccata non subitissimo ma diciamo che eravamo già sul bus E200. Mi è arrivato un sms configurante che ho installato ed è partito tutto subito.
Ho fatto la ricerca per Iliad
Copio e incollo e spero vi serva ...

In sintesi dovete scaricare app Iliad che vi configura il cellulare oppure entrare nelle impostazioni  e fare tutto manualmente.

Ho istallato app e l'app ha richiesto l'sms configurante. Dopo qualche minuto mi ha detto di riavviare e l'ho fatto... ma niente.
Allora cambio la configurazione manualmente ... ma niente.

Sia con tre e con Iliad riesco a chiamare in italia ma non a chiamare i numeri qui a Budapest.
Iliad  o tre chiamo tranquillamente poste mobili.
Iliad o tre non chiama assolutamente iliad.

NON Prendetela come oro colato.
Bhe comunque le impostazioni son queste.

Configurazione Internet & MMS:

Per configurare automaticamente il tuo telefono Android, installa e avvia l'app MobileConfig:
Richiesto almeno Android 5.1.
Altrimenti, per configurare manualmente il telefono, cerca le impostazioni su queste pagine dell'assistenza:

Configurazione dei Dati e MMS (APN)

Per usufruire del servizio di Dati e MMS con la tua SIM iliad, la configurazione dell'APN deve essere effettuata corettamente.
Ecco le informazioni utili su questa configurazione;

  • I servizi di configurazione automatica
    • All'avvio della tua SIM iliad verrà proposta una configurazione automatica del tuo telefono. Clicca su "Accetta " per autorizzare l'impostazione automatici dei parametri di accesso ai servizi SMS, MMS, e Dati.
       
    • Un servizio di configurazione automatica è disponibile per i telefoni Android inviando il messaggio "conf " al 2049.
      Una risposta sotto forma di pop up ti verrà mandato chiedendo l'autorizzazione di configurare automaticamente del tuo telefono.
       
    • Un altro servizio di configurazione è disponibile, accedendo con il tuo telefono a https://www.iliad.it/config/ Questo link ti consentirà di scaricare l'app Mobile config che inserirà automaticamente i parametri di accesso ai servizi iliad nell'impostazione del tuo telefono.
       
    • L'app Mobile config è anche disponibile gratuitemente direttamente nel Google Play Store.

    Un riavvio del telefono può essere necessario al termine del processo.
  • Nel caso in cui non sia possibile utilizzare i servizi di configurazione automatica
  • Sarà necessario configurare manualmente l'APN iliad

    Per effettuare questa configurazione con un telefono Samsung:
    • Accedi al menu Impostazioni
    • Clicca su Altre impostazioni
    • Clicca su Reti mobili
    • Clicca su Connessione dati
    • Deve risultare Flaggato

    Per effettuare questa configurazione con un telefono Huawei:
    • Accedi al menu Impostazioni
    • Clicca su Wireless e reti
    • Clicca su Rete mobile
    • Clicca su Dati mobili
    • Deve essere impostato sul Blu
    I termini e la struttura dei menù possono variare a seconda del modello di telefono che utilizzi.
    Qualche sia il tuo modello di telefono, puoi utilizzare il menù a tendina che consente un accesso più veloce alle impostazioni del tuo telefono.

    Compila i campi come indicato qui sotto:
    APN: iliad
    Nome Utente: vuoto
    Password: vuoto
    MMSC: http://mms.iliad.it
    MCC: lascia il valore predefinito o iscrisci 222 o 208
    MNC: lascia il valore predefinito o iscrisci 50 o 15

    E' anche possibile utilizzare i servizi di configurazione automatici:
    • L'app dedicata: Mobile config, disponibile su Google Playstore.
    • Inviando il messaggio "conf" al 2049. Ti risponderà automaticamente con un messaggio che ti proporrà la configurazione automatica del tuo telefono. (Non compatibile con tutti i modelli di telefono)

    Se il problema non è risolto di consigliamo di:
    • Collegare il tuo telefono al tuo computer
    • Aggiornare il tuo telefono Android tramite il software fornito dal produttore
    Quest'azione aggiorna automaticamente gli APN.
Questo è tutto il mio sapere sulla questione.

Ma iniziamo il viaggio...

Aereoporto Orio: se siete di milano o comunque partite da milano sappiate che la metro apre a 5.45 di mattina




E questi sono gli orari delle navetta milano/orio costo 5€ durata 40/60 minuti...



E di ritorno



Se avete il cellulare scarico niente paura da 1€ in poi ve lo ricarica in aereoporto.
Se  siete anche scarichi di soldi bhe a Orio Non avete speranze di sopravvivenza.






Ho prenotato con Ryanair e mi sono subito trovata un dilemma sui bagagli.

In quanto Ryanair voleva 6€ per il secondo bagaglio a mano.

Ma io non ho ceduto al ricatto.

Quindi senza priority hai diritto comunque ad un bagaglio di 10kg con misure specifiche...



La tua borsa piccola deve rientrare nelle dimensioni di 35 x 20 x 20 cm e deve poter essere sistemata agevolmente sotto il sedile davanti a te.

Il tuo secondo bagaglio a mano deve rientrare nelle dimensioni di 55 x 40 x 20 cm e deve entrare nel misuratore al gate d’imbarco.

Il baglaglio se non ha la priority ti verrà gratuitamente preso al gate e messo in stiva senza doverlo imbarcare prima.

Ma forse da novembre le cose cambiano e si dovrà imbarcare prima del gate gratuitamente.

Ad oggi arrivi al gate e il personale ti prende il bagaglio e poi te lo ridà.


Con Wizz air se non hai la priority invece è successo che sebbene ti dica che puoi averlo con te sull'aereo gratuitamente in realtà finiti i posti te lo mette in stiva e te lo devi ritirare in quello che gira. Non te lo dà il personale.


Compagnia che vai che regole che trovi. Comunque sul sito mi sembra di aver visto una striscia in sovraimpressione che lo diceva. Ma sull'app manco una parola.

Il mio solito video Milano Orio/Budapest. Questa volta suona un passeggero.



Con Ryaner non sganciano niente. Tirchiuni.

Arrivati a Budapest volevamo fare la Budapest card. Perché? Cos'è?

La card Praticamente è una card che dà diritto a sconti e non paghi i mezzi e alcuni musei.

Conviene? Dipende se usate i mezzi e se i vostri interessi rientrano fra le cose gratuite proposte.




Nei nostri primi 3 giorni è stata utile a nostro avviso.

Arrivando al pratico: la card c'è da:

24 ore: 6490 huf = 21,90€

48 ore 9990 huf = 32, 99€

72 ore 12990 huf = 42, 99€

72 ore junior 9990 huf =32,99€

96 ore 15990 huf = 52,99€

120 ore 18990 huf = 62,99€

SE volete farla on line non aspettate la data perché sotto data non accettano gli ordini.
Non so perché.
Comunque se la fate un po' prima loro vi daranno un codice che voi presenterete al punto Budapest e ve la darà.
La carta ha validità dal momento in cui la usate o da quando ci scrivere data e firma.
Nei bus non la controllano manco. NEI metro sì e anche nei musei.

Se la fate in aereoporto tenete presente che non accettano euro ma fiorini (huf) ma accettano anche le carte di credito o prepagate.
In aereoporto il Point chiude alle 21.00.

Qui apro una parentesi che molti apprezzeranno...

Innanzitutto qui potete guardare i siti di cambi on line

https://cambio-euro.it/convertitore-valute/HUF/

https://finanza-mercati.ilsole24ore.com/quotazioni.php?QUOTE=!HUFVS.FX

Ma ce ne altri. NON FIDATEVI DELLE APP NON SONO AGGIORNATE GIORNALMENTE

Le ho testate anche per voi e niente NON SONO corrette.

Pagamento con la carta di credito tra cui la postepay:

Le carte vengono accettate anche nei bar ma molti vi chiederanno il pin della carta. Il pin è quello che usate per prelevare.

Se siete ciucci come me e ve lo dimenticate non c'è problema: usate pure il conctless ovvero appoggiate la carta sopra il pos per pagare.

Solo che ha un limite di 5000 huf e se li superate allora chiedete di fare in due pagamenti. Lo fanno. Ma alcuni vanno convinti. Poi se sapete di dover pagare in contactless fate subito il gesto con la carta e dite No Pin. Perché se no devono annullare la transazione e rifarla in modalità contactless e il più delle volte si blocca. E inoltre tenete presente che alcune macchinette pos sono vecchie o alcuni invece non le sanno usare quindi il mio consiglio e di portarvi sempre i fiorini.

Prima provate con la carta SEMPRE e poi alla meno peggio sganciate i fiorini.

In giro per la città ci sono i change NON USATE QUELLI DELL'AEROPORTO E NEMMENO LE MACCHINETTE.

SE AVETE BISOGNO DEI BIGLIETTI DEI Bus e della Navetta potete prenderli alla macchinetta con la carta di credito. Anche se dovete prendere una bottiglietta l'acqua usate pure la carta.

I Negozi che accettano il contactless sono la catena Alimentare Prima e anche i negozi e i bar. Ovvuamente più è grosso e più è probabile.

Al mercato nazionale no. Solo contanti.

Altra info se usate booking avete un servizio in più che oltre a farvi risparmiare vi semplifica la vita.


Praticamente booking paga per voi il biglietto vi fa scaricare il codice  che potete stampare ma anche solo far visualizzare alla cassiera o alla macchinetta e poi li decurterà dalla carta di credito.
Il procedimento in teoria è  semplice ma in realtà non l'ho ancora provato.

Detto ciò... dall'aereoporto dovete prendere

Biglietto ordinario: 350 huf/ft/fiorini biglietto acquistato macchinetta o al bar.
400 huf se acquistato a bordo.

E100 900 huf/ fiorini che vi porta in centro Budapest. NON È COMPRESO NELLA BUDAPEST CARD. DURATA DEL VIAGGIO UN ORETTA POI DIPENDE DA DOVE SCENDERE.

Funziona di notte.

Il bus navetta 100E, vi trasporterà viaggiatori e turisti dall’Aeroporto Internazionale Liszt Ferenc (conosciuto anche come Ferihegy) direttamente in piazza Deák Ferenc tér, cuore del centro di Budapest e stazione metropolitana di interscambio per le linee M1 (gialla), M2 (rossa), M3 (blu).



L’Aeroporto Internazionale Liszt Ferenc di Budapest

Informazioni utili

Fermate: il nuovo servizio prevede, fra l’aeroporto e piazza Deák Ferenc, una fermata intermedia a Kálvin tér (stazione della linea M3 blu).

Frequenza e orari: il nuovo bus 100E partirà ogni venti minuti dalle ore 3.40 alle ore 00.40 da piazza Deák Ferenc, e dalle ore 5.00 alle ore 01.20 dallo scalo Liszt Ferenc Terminal 2.

Costo: il prezzo di un biglietto di sola andata sarà di circa 2.80 Euro. Come per tutti i trasporti pubblici a Budapest, il servizio navetta sarà gratuito per le persone di età superiore ai 65 anni.

Biglietti: il bus navetta 100E non è compreso all’interno dell’abbonamentodei mezzi pubblici di Budapest. Quindi dovete fare un biglietto a parte per utilizzare il servizio. E’ possibile acquistare il biglietto direttamente sul bus con i fiorini.

La E200 è la bus navetta diurno e costa 900 huf ma con la Budapest card è gratuito.

Dalle 4:00 alle 23:00, l'autobus numero 200E commuta tra il Terminal 2 e la stazione della metropolitana Kőbánya-Kispest (linea M3 della metropolitana), tramite la stazione ferroviaria Ferihegy (treni per la stazione ferroviaria Nyugati di Budapest). Dal terminal della metropolitana Kőbánya-Kispest, i passeggeri possono prendere la metropolitana M3 in direzione di Újpest Központ per raggiungere il centro città. È possibile cambiare alle linee della metropolitana M1 e M2 alla fermata Deák Ferenc tér nel centro della città. Dalle 11:00 alle 01:00 bus 200 E, dalle 1:00 alle 4:00, l'autobus notturno numero 900 opera tra il Terminal 2 dell'aeroporto di Budapest e il garage degli autobus di South Pest. È possibile passare ai bus notturni 950 e 950A, operando nel centro.

Oltre la Budapest card ci sono altri servizi che non sto elencare perché non li ho usati.

So comunque che per i bus c'è l'abbonamento per tot corse.

https://www.scopribudapest.it/prezzi-abbonamenti


Quindi tornando a noi: aereoporto e poi E200 che vi porta alla metro.

E che simile a quella di Milano.


Un'altra info la m3 presa alla fermata Astoria M passa ogni 5 minuti un bus che vi porta all'aereoporto senza usare la metro con i suoi cambi.

La M3

Kőbánya-Kispest M / Árpád üzlethá
percorso M3

Fermate e orari bus M3

La linea bus M3 (direzione: Kőbánya-Kispest M) ha 22 fermate e viaggia tra Árpád Üzletház e Kőbánya-Kispest M.

Orari della linea bus M3: operativa dalle 20:13 alle 23:21 nei giorni lunedì, martedì, giovedì, venerdì, sabato, domenica.

Seleziona le fermate della linea M3 bus qui sotto per trovare il percorso e gli arrivi in tempo reale.

Direzione: Kőbánya-Kispest M
22 fermate:

Árpád Üzletház

Újpest-Központ M68 Árpád út, Budapest

Újpest-Városkapu M32 Árpád út, Budapest

Újpest-Városkapu M (Váci Út)Váci út, Budapest

Gyöngyösi Utca M
Forgách Utca M99 Váci út, Budapest

Árpád Híd MVáci út, Budapest
Dózsa György Út M72 Váci út, Budapest

Lehel Tér MI, Budapest
Nyugati Pályaudvar MBajcsy-Zsilinszky út, Budapest

Arany János Utca M1 Zichy Jenő utca, Budapest

Deák Ferenc Tér MD, Budapest
Astoria M5 Múzeum körút, Budapest

Kálvin Tér M3 Üllői út, Budapest

Corvin-Negyed M42 Üllői út, Budapest

Klinikák M91b Üllői út, Budapest

Nagyvárad Tér M84 Üllői út, Budapest

Népliget MÜllői út, Budapest
Ecseri Út M
Pöttyös Utca M126 Üllői út, Budapest

Határ Út M
Kőbánya-Kispest M.



Ora torniamo al nostro VIAGGIO.

Ho acquistato du booking questo alloggio: 
Questo è il video 


Si PUÒ pagare quando su arriva. No carte di credito. 
Euro o Fiorini.
E subito.
La casa non è male. C'è tutto.
Pure Due bagni. Ferro e asse da stiro. Cucina con stoviglie basilari.
Non è lontana dal centro. Zona della basilica di San Matteo.
Ma nessuno la conosce e quindi se vi troverete davanti un cancello senza nessuna insegna state tranquilli.  Arriverà l'orario con cui vi siete messi d'accordo.
Ci sono due entrate con i codici per aprire il portoncino.


Dettaglio dell'ascensore che ha conosciuto l'età del ferro.
Invece i gradini per arrivare al primo piano sono amici dell'ortopedico^^di (s)fiducia.



Ma veniamo a noi e parliamo finalmente di Budapest:
Budapest, la capitale dell’Ungheria, è tagliata in due dal Danubio. Il Ponte delle Catene, del XIX secolo, congiunge la zona collinare di Buda a quella pianeggiante di Pest. Una funivia collega la collina del castello al centro storico di Buda, dove il Museo storico di Budapest ripercorre la storia della città a partire dall'epoca romana. La Piazza della Santa Trinità ospita la Chiesa di Mattia del XIII secolo e le torrette del Bastione dei Pescatori, che offrono ampi panorami.

La gente di Budapest, soprattutto i maschi, sono scostanti e ti dicono sempre che non sanno e fanno finta di non capire.
Al bar se arriva uno di loro, anche se ci sei prima tu ti servono dopo.
Nei super Non hanno guanti per prendere le cibo come pane , frutta o verdura. E non vendono pacchetti di brioscine, solo sfuse. 
Il caffè è orribile tranne in qualche ristorante.
Le scale tendono ad essere consumate e s chiocciola, quindi pericolose. Alneno per me. La sera c'è sempre gente. 

La città è incantevole con i suoi panorami e la sua storia.

Il museo nazionale di Belle arti 
Il museo resterà chiuso per lavori fino all’autunno del 2018. Anche quest'anno niente!!
Museo di Belle Arti di Budapest
Il Museo di Belle Arti di Budapest (Szépművészeti Múzeum) è ospitato in un monumentale palazzo sul lato occidentale della piazza degli Eroi (Hősök tere), eretto in stile eclettico-neoclassico all’inizio del Novecento. Al suo interno conserva una collezione internazionale importante di dipinti, con opere che percorrono tutto l’arco di tempo che va dal Medioevo al Novecento e tutte le principali scuole europee.



La casa del terrore non mi è piaciuta.

 La basilica di Santo Stefano (in ungherese: Szent István-bazilika ) è una basilica situata nella zona di Pest della città di Budapest. È concattedraledell'arcidiocesi di Esztergom-Budapest. Fu progettata a partire del 1850 e terminata nel 1905. La sua capienza è di circa 8.000 fedeli. Lo stile è prevalentemente neoclassico.
La costruzione dell'edificio, progettato nel 1850 da József Hild, ha inizio nel 1851. Dopo la morte dell'architetto, nel 1867 la direzione dei lavori passa a Miklós Ybl, che realizza l'imponente cupola nel 1868. La chiesa, conclusa poi nel 1906 da Jozsef Kauser, venne consacrata in presenza dell'imperatore Francesco Giuseppe I ed elevata alla dignità di basilica minore nel 1938, nel novecentesimo anniversario della morte di Santo Stefano.






Solo questa  vale la Budapest card. Totalmente  free. Sarà anche quella più piccola ma a noi è piaciuta tanto.

Le terme Lukàcs, ossia le Terme di San Luca, erano già in uso nel medioevo: le loro origini risalgono infatti al XII secolo quando vennero costruite le terme accanto ai monasteri per curare le persone malate. Nel XVI e XVII secolo le terme venivano usate per macinare i semi nei mulini a vento.
Nel 1884 Fülöp Palotay decise di acquistare l’intera struttura rendendola un centro termale. Da lì in avanti lo splendore delle terme Lukàcs si è mantenuto fino ai giorni nostri, esplodendo grazie alla costruzione dell’ospedale adiacente nel 1979.
La struttura è una vera opera d’arte che ha mantenuto la sua bellezza originale risalente a quel periodo: si possono ammirare ancora oggi le targhe di marmo lasciate in segno di gratitudine dai malati durante il Medioevo.
Le acque e i benefici
Le temperature delle acque termali variano da 21° a 49°C e l’acqua contiene magnesio, idrocarburi e idrogeno; l’acqua con la gradazione più alta contiene invece fluoruro, cloruro e zolfo.
Le terme Lukàcs sono famose per offrire innumerevoli benefici nei casi di infiammazioni croniche della spina dorsale, artriti e malattie reumatiche, con la possibilità di sperimentare anche trattamenti di relax e benessere come i fanghi.
La sala dell’acqua minerale
Nel giardino è presente una sala dell’acqua minerale costruita nel 1937 che si può raggiungere anche dalla strada: quest’acqua sembra donare effetti “miracolosi” in caso di malattie allo stomaco e all’intestino.


















































Dopo le terme il giorno dopo avevo mal di testa forte da cervicale e una meravigliosa farmacista ci ha consigliato: advil ultra forte. (Ubuprofene) un blister però da 8 pastigliette.
E mi è passato come quando prendo l'oki.

Dalla funicolare del castello di Buda




Il ponte delle catene 

Il Ponte delle Catene (in ungherese Széchenyi Lánchíd), è il ponte più vecchio e indubbiamente anche il più noto di Budapest. Per collegare le due parti della città, è stata scelta la soluzione di un ponte sospeso la cui campata centrale, compresa tra due piloni, era all'epoca tra le maggiori al mondo (202 m di lunghezza). Il ponte è decorato all'entrata da statue di leoni, sculture che, a dispetto della tradizione, rappresentano il re degli animali senza lingua. Il traffico scorre sotto i due archi/piloni di impianto neoclassico, mentre i marciapiedi, presso i due piloni, passano dalla parte esterna degli archi appoggiandosi su mensole. Si trasforma in zona pedonale nei giorni festivi

Il tunnel del chilometro zero/Buda

Da qui partivano in epoca storica tutti i conteggi delle distanze dell'impero romano, un Po di storia con le distanze ancora in parte leggibili.
Monumento simbolico più che artistico, alto 3 metri con un grande "0" in pietra rappresenta il punto di partenza per misurare in km le varie località dell'Ungheria segnalate in una piattaforma circolare posta alla base. Si trova davanti alla stazione di partenza della funicolare in piazza Adam. Semplice, ma curioso!

Il castello e il Bastione dei pescatori /Buda

Il castello di Buda (in ungherese Budavári Palota) è il castello storico usato dai re ungheresi a Budapest. In passato venne chiamato anche "palazzo reale" (Királyi Palota) e "castello reale" (Királyi Vár).
Venne costruito sul lato sud della collina, vicino al vecchio quartiere del castello (Várnegyed), famoso per lo stile barocco medievale e per le case ed edifici pubblici del diciannovesimo secolo. È collegato a piazza Adam Clark e al ponte delle Catene (Széchenyi lánchíd) per mezzo della funicolare del castello di Budapest.
Il castello di Buda è stato inserito dall'UNESCO tra i patrimoni dell'umanità nel 1987.

Piazza degli Eroi

Piazza degli Eroi (in lingua ungherese: Hősök tere) è una delle più importanti piazze di Budapest(Ungheria), ricca di elementi politici e storici. Si trova alla fine di Andrássy út, vicino al parco municipale Városliget.


Stazione ferroviaria keleti
Stupenda.

Budapest di notte è stupenda. Non puoi non fotografarla.

Giorno nuovo gita nuova. Oggi proviamo ad andare a Buda con il Cityrama (gratis con la card) ma che si rivela trafficoso, in quanto devi arrivare al punto in cui prenderlo. Capire dove è il punto e aspettare quello vuoto. Alla fine abbiamo preso il solito nostro bus che conosciamo e ciao Cityrama.

Prima tappa a Buda è stato il vicolo dello shopping (molto carino) e poi il castello di Buda e sopratutto la Chiesa di Mattia.

La chiesa di Mattia si trova al centro della Szentháromság tér (piazza della Santa Trinità) a Budapest. Nonostante sia comunemente chiamata con il nome di Mattia Corvino, il vero nome della chiesa è Nostra Signora Assunta della Collina del Castello ed è dedicata alla Madonna.

Fu costruita tra il 1255 e il 1269 per la volontà del re Béla IV d'Ungheria. Nel 1541 venne trasformata in una moschea dai turchi, per poi passare ai gesuiti.

Nel 1873 e il 1896 fu oggetto di restauri da parte dell'architetto Frigyes Schulek che la ricostruì parzialmente in stile neogotico.

È uno degli edifici più interessanti della città di Budapest e patrimonio artistico e turistico della città.

Nella chiesa re Mattia Corvino si sposò due volte e vi furono incoronati Francesco Giuseppe I d'Austria nel 1867 e Carlo IV nel 1916.

È dotata all'esterno di portali di grande pregio, mentre l'interno è diviso in tre navate con preziose vetrate e affreschi. Vi è inoltre la cappella funeraria reale dove si possono trovare i sarcofagi di Béla III d'Ungheria e di Anna di Chatillon.

Nella chiesa di Mattia è stato girato un film horror intitolato La chiesa di Michele Soavi (1989)

Le foto non potevano non essere molte^^































Artista che allieta ma non ha capito il trucco per prendere o soldi.



Alla torre di Buda (gratis con Budapest card)

L’imponente Castello di Buda si innalza sopra la città da Várhegy, il colle di Budapest. Il Castello ha da sempre avuto una storia tumultuosa, che riflette i periodi storici di alti e bassi dell’Ungheria. Oggigiorno il Castello, spesso chiamato Palazzo Reale, ospita un certo numero di istituti culturali, fra cui due musei: la Galleria Nazionale e il Museo storico di Budapest. Breve storia Una prima rudimentale fortificazione risale al XIII secolo. Dopo che le tribù dei Mongoli avevano invaso l’Ungheria, il Re Béla IV decise di costruire un rifugio circondato da mura. Di questa prima costruzione, oggi non rimane nessun segno. Durante il Rinascimento il castello, per volere del Re Mattia subì dei cambiamenti adattandosi al nuovo stile dell’epoca. Quando Budapest subì l’invasione turca fra il 1541 e il 1686 il complesso finì per essere rovinato. Si dovettero aspettare gli Asburgo affinché la città avesse un nuovo palazzo, costruito tra il 1714 e il 1723 in stile barocco. Durante la rivolta degli Ungheresi contro il regime asburgico, nel 1849, il Castello fu nuovamente semidistrutto. Fu intrapresa un’opera di ricostruzione soltanto dopo il compromesso con gli Asburgo. Con l’invasione tedesca della seconda guerra mondiale, infine, il castello subì gravi danni. La ricostruzione iniziò nel 1950 e fu eseguita dall’architetto István Janáki in stile classico.


I gradini della torre non finiscono mai e sono pericolosi.
E comunque il panorama non è quello che ti aspetti. 

DI RITIRNO A IN B&B

 UN NOME, UN DESTINO, UN MARCHIO IN FRANCHISING ^^
 Giulia si gode il suo kurtoskalacs. Un dolce senza lattosio.


Altro giorno altro giro...

Oggi tocca al mercato nazionale unghese

quando la fantasia diventa arte...





Le strane magliette...


Lo zoo di Budapest (25% di sconto  con la budapest Card)
Lo Zoo di Budapest, tra i più antichi al mondo, si trova nelle vicinanze del Piazzale degli Eroi e la sua struttura comprende splendidi edifici e statue.

Considerato da molti lo Zoo più bello e incantevole d’Europa, questa struttura a due passi da Piazza degli Eroi e alle spalle del Museo delle Belle Arti comprende alcuni suggestivi edifici costruiti tra il 1909 e il 1912 e un ingresso monumentale con grandi elefanti in pietra che sorreggono un arco sormontato da un anello di orsi polari. Alberi ad alto fusto vi accoglieranno appena supererete la soglia di questo luogo incantato dove sono ospitate oltre mille specie di animali. Incantevole la Casa degli Elefanti caratterizzata da cupole azzurre e da un minareto, elementi che ricordano senza ombra di dubbio una moschea ottomana. Molto belle e piene di carattere anche le case degli animali più piccoli, anche questi progettati nel corso della ricostruzione attuata a cavallo del primo decennio del 1900: la casa delle giraffe ha influenze africane, la casa dei coccodrilli richiama lo stile indiano e la casa australiana si ispira alle vecchie case popolari della Transilvania. Lo Zoo di Budapest è uno dei più antichi del mondo e ha aperto i battenti nel 1866. 

Ora posto tutte le foto:


























siamo il popolo del selfie.





























Mostre distopiche per caso... FREE


facce da selfie.

La grande Sinagoga COSTOSA.
è il maggior luogo di culto ebraico dell'Ungheria. Il complesso è composto da diversi templi e monumenti molto interessanti. La Grande Sinagoga di Budapest, in ungherese Nagy zsinagóga, conosciuta anche con il nome Sinagoga Tabakgasse, è un edificio di grande rilevanza storica in città: è la più grande sinagoga d’Europa e la seconda più grande al mondo. Può ospitare 3.000 persone ed è sita nel quartiere ebraico nella zona di Pest. Il complesso oltre alla Grande Sinagoga comprende il Tempio degli Eroi, il cimitero, il Memoriale e il Museo Ebraico. La strada su cui si affaccia l’edificio è il viale Dohány, la strada che delineava il confine del Ghetto di Budapest. Un po’ di storia La sinagoga di Budapest venne costruita tra il 1854 e il 1859 in stile moresco, con decorazioni basate principalmente su modelli islamici ispirati all’arte del Nord Africa e della Spagna medievale, come l’Alhambra di Granada. La struttura è stata progettata dall’architetto viennese Ludwig Förster, che basò la costruzione sull’utilizzo di forme architettoniche utilizzate in precedenza da gruppi etnici orientali legati al popolo d’Israele. Il progetto degli interni è stato affidato invece a Frigyes Feszl. Anche questo edificio, come molti altri in città, ha dovuto subire i bombardamenti dell’esercito nazista del 1939, soprattutto da parte dell’aviazione tedesca e per tutta la durata dell’assedio di Budapest. Durante il periodo comunista, la struttura danneggiata divenne di nuovo una casa di preghiera per la comunità ebraica, che però era assai diminuita. Nel 1991 la Sinagoga è stata al centro di un importante intervento di restauro, finanziato dallo Stato e dalle donazioni private, completato solo 7 anni dopo, nel 1998.

L’edificio principale L’edificio è composto da tre ampie navate riccamente decorate, due balconi e, insolitamente, un organo. L’organo originale risale al 1859; nel 1996 ne venne aggiunto uno nuovo, in gran parte meccanico. La porta in legno è arricchita con vari rotoli della Torah, recuperati da altre sinagoghe distrutte durante l’Olocausto. I posti a sedere per gli uomini si trovano al piano terra, mentre i posti per le donne sono situati nella galleria superiore. Il museo ebraico Nel complesso della Grande Sinagoga di Budapest vi è anche un Museo, costruito nel 1930 in conformità con lo stile architettonico dell’edificio. Al suo interno vi è custodita una Collezione religiosa e storica ebraica, oltre ad una collezione di reliquie, alcuni oggetti rituali per lo Shabbat e per le altre festività e anche una sala dedicata all’Olocausto. Il Tempio degli Eroi Il Tempio degli Eroi, con una capienza di 250 persone, è utilizzato per le funzioni religiose che si svolgono durante i giorni della settimana e durante il periodo invernale, ed è stato aggiunto al complesso nel 1931. Fu progettato da Lazlo Vágó e Ferenc Faragó, come memoriale per gli ebrei ungheresi che hanno perso la vita durante la prima guerra mondiale. Il cimitero ebraico Adiacente alla Grande Sinagoga di Budapest si trova anche un cimitero, elemento non usuale per un luogo di culto di questo tipo; la decisione di mantenerlo fu presa dalla comunità ebraica dopo i drammatici eventi della seconda guerra mondiale. Il ghetto ebraico di Budapest rappresentò infatti un rifugio per centinaia e centinaia di ebrei. Nel 1944 il piano Eichmann aveva previsto il trasferimento nel Ghetto di Pest di oltre 70.000 ebrei. Alcuni di loro morirono di fame e di freddo durante l’inverno del 1944, e vennero sepolti proprio nel cortile della sinagoga. Il memoriale L’ultimo elemento che compone la struttura della Grande Sinagoga di Budapest è il Memoriale Raoul Wallenberg Emlékpark, realizzato da Imre Varga, che assomiglia a un salice piangente sulle cui foglie sono iscritti i nomi delle vittime dell’olocausto di fede ebraica. Informazioni Utili Ecco alcune informazioni utili per pianificare una visita alla sinagoga. Come arrivare Per raggiungere la Grande Sinagoga di Budapest si può prendere la linea metro M2, scendendo alla stazione Astoria. Si può poi raggiungere il viale Dohàny con gli autobus 7 e 7A o con i tram numero 47 e 49. Orari d’apertura L’apertura al pubblico della Sinagoga e del Museo Ebraico varia a seconda delle stagioni. Generalmente dalla Domenica al Giovedì, in autunno e d’inverno, l’orario osservato va dalle 10.00 alle 16.00, mentre in primavera e in estate va dalle 10.00 alle 18.00. La sinagoga è chiusa invece sempre il sabato, mentre gli orari del venerdì sono flessibili mensilmente.









I Ruin Bar 

Uno dei fenomeni più recenti della storia di Budapest è quella dei "Ruin Pubs": andiamo a vedere cosa sono.



03 migliori ruin pubs budapestI "Ruin Pubs" sono nati in epoca recente, circa 10 anni fa, quando molti edifici abbandonati di Budapest vennero convertiti in club di basso profilo, arredati con mobili scartati e resi distinti uno dall'altro dalla mano di artisti dalla creatività molto variegata. Nel giro di pochi anni i Ruin Pubs sono diventati una delle maggiore attrattive di Budapest: gran parte di essi sono frequentati dai turisti, che restano sempre estremamente affascinati da questi locali del tutto particolari e unici nel loro genere.

I 10 Ruin bar migliori.

A Budapest si trovano moltissimi Ruin Pubs: non solo la zona centrale ne è ricca, ma anche i distretti verso la periferia. Scopriamo insieme i migliori Ruin Pubs di Budapest.

1 - Szimpla Kert (quello del video)

01 szimpla kert ruin pub budapestSzimpla Kert è stato uno dei primi Pub in rovina ad aprire negli anni 2000, e oggi rappresenta un vero punto di riferimento per il turismo da Ruin Pubs. Ai clienti offre un vasto giardino, la proiezione di filminstallazioni d'artepanche ricavate da vasche da bagnosedie tutte diverse tra loro. Al piano terra si può fumare Narghilè.

2 - Anker't

02 ankert ruin pub budapestSituato nel centro di Budapest, questo Ruin Pub ha sede in un'enorme ex fabbrica. Caratterizzato da un interno molto minimal, si compone di grandi cortili comunicanti: la prima zona ospita un bar adatto sia per bere che per socializzare, mentre negli altri cortili sono ospitati eventi speciali. Ottimi i piatti alla griglia e le patatine fritte, e molto gradite dai turisti le varie piste da ballo.

3 - Corvintető

03 corvintet ruin pub budapestSituato nel bel mezzo dell'incontro tra la zona dei club e la retrò urbanistica di Budapest, il Corvintető si trova all'ultimo piano di un grande centro commerciale, sulla terrazza panoramica che in estate attira migliaia di giovani. La musica è ottima e resta aperto fino a tardi.
  • Indirizzo: Budapest 1085, Blaha Lujza tér 1-2. | corner of Somogyi Béla utca
  • Telefono: +36 20 474 083
  • Sito web: http://www.corvinclub.hu/

4 - Ellato Kert

04 ellato kert ruin pub budapestRuin Pub molto noto per il suo giardino molto popolato, sia per i... tacos! Ebbene sì, Ellato Kert propone un'autentica cucina messicana ideale per accompagnare la musica dal vivo, le mostre d'arte, il calcio balilla e ovviamente... un'ottima birra.
  • Indirizzo: Budapest 1075, Kazinczy u. 48
  • Telefono: +36 20 527 3018
  • Sito web: Il locale al momento non ha un sito web

5 - Fogasház

05 fogashaz ruin pub budapestUn cortile molto animato è uno dei punti più apprezzati di questo Ruin Pub, club culturale e un po' selvatico considerato uno dei migliori Pub in rovina di Budapest. Una volta edificio residenziale, questo pub ha un bell'atrio dipinto adibito a salone da danza, una sala cinema, una sala giochi e un teatro. Propone noleggio bici e narghilè. Aperto fino alle 4 di mattina.

Cimitero di kerapesi (meraviglioso e gratuito)
Il cimitero di Kerepesi è uno dei più antichi dell'Ungheria, e si trova a circa 2 km dal centro città di Budapest. È facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, e merita una visita perché al suo interno sono conservate le tombe di molti personaggi dell'arte, della scienza, della letteratura e della storia ungherese. È, inoltre, il luogo delle sepolture di stato.

Al centro del cimitero, che somiglia più che altro ad un parco, trova posto un pantheon del movimento della classe operaia in cui sono conservate le reliquie di personaggi che “vissero per il comunismo e per il popolo”, e accanto ad essa è immediatamente situata la tomba di Jànos Kàadar, che governò il paese dal 1956 al 1988.
Molto suggestivo anche il monumento ai caduti del ’56, che testimonia la violenza che ha caratterizzato la storia più recente del paese.
Il cimitero presenta anche un angolo di italianità, perché custodisce la tomba di Sergio Failoni, per vent’anni primo direttore del Teatro dell’Opera di Budapest











Castello e parco di Vajdahunyad con parco
Costruito nel 1896 il Castello Vajdahunyad Vara è uno degli edifici più affascinanti di Budapest.
Situato all’interno del parco Varosliget a Pest e circondato da un lago, che si trasforma in una pista di pattinaggio in inverno, è avvolto da un’atmosfera fiabesca.
Venne realizzato originalmente in legno e cartapesta per celebrare i mille anni di architettura del Paese, successivamente venne ricostruito in muratura, combinando più stili, dal gotico al barocco.
All’interno ospita il Museo dell’Agricoltura, uno dei più grandi d’Europa.











Museo delle arti orientali (bruttisso ma gratuito)



Museo Mucsarnok 
Stupendo fuori
Particolari le mostre.
Molto particolari.
La galleria artistica Műcsarnok è si affaccia degli Eroi di Budapest, proprio davanti al museo di belle arti. L'edificio del 1895in stile neoclassico, che si richiama alla architettura greca e romana è maestoso con un portico sostenuto da 6 altissime colonne . All'interno lo spazio delle esposizioni ospita diverse mostre di artisti contemporanei . Da notare anche il mosaico che raffigura Santo Stefano come si vede nelle foto che allego.





GALLERIA NAZIONALE UNGHERESE
meravigliosa e dire poco.
Quadri carichi di emozioni e sentimenti.
Fatta benissimo.
Goduta al massimo.











































E per chiudere in belezza...
Frida khalo









Altri percorsi fuori da budapest ...









BAR DOVE POTERE RICARICARE IL CELL E BERE CAFFÈ
STARDBUKS



 HUMUS bar



DOVE ABBIAMO MANGIATO  MEGLIO  A POCO PREZZO:
Paprika Vendeglo

Shopping ♡

Lungo la via Vacy ucta ci sta  un shoppin center con la scala mobile che va in giù 
E alla fine dei vari negozietti
C'è  una signora che vende tutto a 3€
Però si paga solo in fiorini.


Magnete Budapest, 2 campanelle, 2 segnalibri.
E
Sempre in 
In via Vaci ucta 9
C'e il Pylones 
Dove trovate queste meraviglie...
Pettine ballerina
Ombrelli gatto e donna
Penne tubetto
Penna con bolla, cacciavite, metro e gomma per scrivere  sul cell.
 e mattite.
Invece
A Buda appena scendete bus e girate l'angolo c'è un piccolo mercato per lo shopping.
Carrilion star wars, magnete porta biglietti e anello a cuore con  orologio.

L'aeroporto di Budapest è stato eletto il miglior aeroporto 2015 e secondo me pure 2018.
Innanzitutto ad un piano superiore dove ci sono gli uffici delle compagnie aeree lungo tutto il perimetro del corridoio è scomparso di prese della luce. E se come noi siete arrivati almeno 6 ore prima in aeroporto niente paura. Ti siede nel pavimento (pulitissimo) e dormi come gli altri. No barboni, gente cone noi e anche più facoltosa e anche più attrezzata.
Anche i bagni sono eccellenti.
Ero preoccupata per tutte quelle ore in aereoporto ma alla fine  è andata di lusso.


E per finire questo lunghissimo post
^^

i miei Selfie sono stati realizzati  con il mio metodo:

Provare per credere^^















































































































































































































































































































































Commenti