Pink Floyd: la ristampa di “Animals” si sta rivelando una sfida

Ho letto questo articolo, e sono rimasta perplessa. Per quanto auspicherei ardentemente anche io una ristampa di The Animals ma così come è messo l'articolo mi pare un raschiare il barile già raschiato.
Arrendersi no? Voi cosa ne pensate?





Il cofondatore dei Pink Floyd, Nick Mason, rivela alcune perplessità in merito alla ristampa di “Animals”: trovare inediti e chicche è più difficile del previsto

Nick Mason si trova alle prese con la rimasterizzazione dello storico album del ’77 dei Pink Floyd: i lavori di Animals si stanno rivelando più difficili del previsto. Secondo Mason infatti, gli archivisti starebbero lottando per trovare materiali aggiuntivi per completare il set.

Un sacco di rarità e chicche della band, hanno trovato “casa” nel 2016, nel cofanetto The Early Years 1965-1972, e apparentemente sembra non essere rimasto molto su cui mettere le mani. Mason ha detto a Rolling Stone: “Continueremo a cercare“, nella speranza che qualche altro brano inedito, o registrazione, venga alla luce.

Commenti

  1. Le ristampe se sono fatte per mettere materiale inedito interessante e che i fan non abbiano già recuperato altrove, possono avere un senso altrimenti è solo un'operazione commerciale e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, anche perché dal trovare inediti al creare inediti il passo è lieve vista la ricerca l'ossessiva che denota l'articolo.

      Elimina
  2. Chissà se, appunto, come tu dici, questo materiale inedito esiste davvero.
    Se così fosse, sarebbe un regalo meraviglioso per milioni di fan.

    RispondiElimina

Posta un commento