Huger Phone #secondapunta #batteria #ram #espansione #memoriainterna

.

.... secondo giorno....

Caro pubblico ben tornati qui all'arena!!
Sapete, di un buon telefono la prima cosa che si guarda, questo a prescindere se sia davvero la cosa primaria da guardare è la fotocamera. Tutti vogliamo avere un telefono che ci fotografi per bene. Per questo abbiamo iniziato da essa, ma dopo la fotocamera di solito guardiamo, per lo più senza capire i dati tecnici, la videocamera, la batteria, la memoria interna e l'espansione. Ma c'è una cosa ancor più basilare per un telefono potente, sono le RAM che poi vanno a far girare tutto il sistema. Poche ram tanti blocchi di sistema, rallentamenti ed errori. Quindi il trial di oggi si formerà nell’abbinare ad ogni telefono tre soggetti, una donna, un ragazzo, un uomo. Per lo più faranno cose uguali a noi tutti e il telefono che si spegnerà, bloccherà o darà problemi prima verrà eliminato dalla gara di oggi.

Interrompiamo le trasmissioni perché ahi ahi ahi uno sparo percuote il cielo, e ci segnala la morte veloce di uno telefoni in gioco. Siamo a metà mattina ma la morte è già nell'aria.
Il tributo è il Thl 5000 che ci ha abbandonato, deludendoci un pochino, Avevamo scommesso sulla batteria potente, ma forse sebbene abbia avuto una potente batteria da 5000mah non ha resistito alla prestazione della donna, le botte della sua borsa, e quindi si è surriscaldato eccessivamente, quasi fuso nelle sue mani. È un vero peccato le sue 2 ram devono avergli giocato contro, le ram e la debole scocca esterna.


Attendendo gli sviluppi, gli esperi oggi ci parlano qui in studio di batterie. La differenza fra Litio e LiPo.

Fra i vari pro e contro, essi sostengono che nel tempo le batterie al litio hanno preso il sopravvento su quelle al Nichel-Cadmio grazie ad un più semplice ed economico processo di produzione, oltre al vantaggio di non soffrire del famoso effetto memoria. Per chi non lo sapesse l’effetto memoria si presenta quando la batteria viene messa in carica sempre allo stesso livello di scarica, creando un falso fondo di barile (per esempio se si mette la batteria in carica sempre quando è al 15% quel 15% diventerà, per effetto della memoria della batteria lo 0%, quindi si avrà una batteria scarica quando in realtà se ne ha un altro 15%).

Le batterie agli ioni di litio possono essere potenzialmente pericolose a causa dell’instabilità interna che può portare ad esplosioni se sottoposte a quantità di calore eccessivo oppure ad un’eccessiva carica.
Nessun effetto memoria
Non si deteriorano con il numero di cicli carica/scarica
Non avendo l’effetto memoria la batteria non richiede la carica completa al primo utilizzo.
Se è vero che la batteria possiede potenzialmente infiniti cicli di ricarica, è vero anche che il deterioramento avviene nel tempo a partire dalla data di produzione, indipendentemente dall’utilizzo che si è fatto dell’accumulatore.
La chimica contenuta nelle batterie è soggetta facilmente ad esplosioni se surriscaldata o caricata eccessivamente.
Il processo di deterioramento avviene più velocemente se sottoposte a calore
Le batterie Li-Po sono andate in commercio solo nel 1996, in principio erano destinate a progetti segreti della milizia sovietica e statunitense. Le batterie basate sui Polimeri di Litio vennero poi rilasciate all’industria di consumo alcuni anni dopo la caduta del muro di Berlino.
Processo di produzione che permette una maggiore capacità di energia (circa il 20% in più) in uno spazio più piccolo rispetto alle batterie Li-Ion
Peso ridotto e maggiore autonomia
Nessun effetto memoria.
Subiscono un minor degrado nel tempo rispetto alle batterie agli ioni di litio
Le batterie Li-Po possono essere modellate più semplicemente, quindi possono prendere più forme rispetto alle Li-Ion
Le batterie Li-Po hanno minor tempo di ricarica.
Le batterie ai polimeri di litio sono facilmente infiammabili se forate
Confrontate con le batterie Li-Ion il deterioramento ottenuto con i cicli di carica/scarica è molto elevato (l’80% di deterioramento in 500 cicli circa)
Necessita di caricatore specifico, pena caricamento lento o danneggiamento della batteria.

In particolar modo loro sostengono che il surriscaldamento del tributo Thl, nonostante la sua formidabile batteria, sia da attribuire al pacchetto nella sua globalità.
16 gb interne sembrano molti ma non lo sono per le app moderne, che non si istallano mai nell'espansione esterna, la sd, ma in quell'interna. Quindi essi dicono che poca memoria interna assieme a poche ram tendono a rallentare, se non a bloccare il sistema.
In questo caso lo hanno fuso. La batteria 5000mah era di tipo LiPo. 5000 era la potenza massima mal supportata dal materiale con cui è stato costruito e mal gestito da tutto il resto.

Cari spettatori, dopo gli esperti dobbiamo iniziare con un altro sparo, avvenuto pochi minuti fa.
Il tributo italiano Moto E 5 plus del distretto Motorola ha messo fine alla sua vita.
In questo caso il Moto E si è bloccato sull'apertura di un gioco dell'uomo.
Come per il distretto Thl, valgono le 2 ram come causa di blocco, il poco spazio interno. L'espansione è sempre relativa a più quello che vogliamo salvare nel cellulare, che nel funzionamento e l'efficienza del cellulare stesso.

Gli esperti ci ricordano che anche il modo in cui si è ricaricato ha avuto una parte nel fallimento.
Infatti, come vedremo e come abbiamo visto ieri nel timeline e in studio oggi, i migliori sono risultati chi non ha caricato in modo wireless. Dicono che l’induzione magnetica richiede che chi trasmette e chi riceve devono stare in stretto contatto tra loro in un range di distanza che va dai 45 mm ai 4 cm. E in questo processo, anche chi trasmette e chi riceve devono essere perfettamente allineati per la riuscita della ricarica. Quindi, ogni tanto, questo meccanismo può rivelarsi un vero e proprio fastidio soprattutto qui nell'arena.

Ad ogni qual modo, modalità di ricarica a parte, la parte del leone l'hanno fatta il tributo lg v35, con la sua batteria LiPo, le sue 6 RAM, Memoria (Max) 64 e
Memoria Espandibile Micro SD/MicroSDHC/MicroSDXC Fino a 2000 GB.
Ha gestito in modo impeccabile il WhatsApp di tutti e tre, audio compresi. I giochi del ragazzo e le e-mail lavorative dell'uomo.
Vi è andato vicino il tributo Huawei p20 pro con la sua batteria di LiPo, le sue 6 RAM e la sua Memoria (Max) 128 anche se non ha una Memoria espandibile. Anche lui ha gestito molto elasticamente la videochiamata entrante ed uscente di lei, e la navigazione via mappe di lui e le app musicali del ragazzo.
Poi hanno fatto una gran bella figura il tributo Sirocco 8
batteria litio, RAM 6, Memoria (Max) 128, Memoria Espandibile 128. Anch'esso ha gestito il tutto anche se meno fluidamente, in quanto gli Android hanno molta più flessibilità in quanto ad app sul market e la loro funzionalità.
Anche il tributo Samsung s9, con la sua batteria litio ha combattuto bene, le sue 6 RAM, Memoria (Max) 256, Memoria Espandibile 400.
Nessun affaticamento o rallentamento di sorta.

Si sono affaticati ma non troppo invece i cellulari dalle 4 ram. Per loro abbiamo misurato un rallentamento di alcuni secondi per azione.
Sony xperia A2 ultra, batteria litio, Memoria (Max)32, Memoria Espandibile 256.
Il tributo View 2 pro, con cui video full hd ha eccelso ma lo ha penalizzato anche a motivo proprio delle 4 ram, batteria LiPo, Memoria (Max) 164, Memoria Espandibile 256.
Il tributo pixel2 xl, batteria litio
RAM 4, Memoria (Max) 128, senza Memoria Espandibile non ha eccelso in niente. Manco in Internet, nonostante il marchio Google.

Ma quelli che hanno fatto davvero molta pena sono stati: il tributo Asus Zenone max pro 1, con la sua batteria LiPo e le sue scarse Ram. RAM 3,
Memoria (Max) 32, Memoria Espandibile 256.
E il costosissimo iphone X, che qui in studio iniziamo a chiederci il motivo di tanto costo.
Lui con la sua batteria litio, le sue RAM 3, Memoria (Max) 256 e senza manco l'espansione chiude il ciclo di oggi.

I cellulari, come ieri per poter conquistare lo zaino dell'energia dovranno usare la videocamera, filmare e poi scoprire dove lo zaino. Ma attenzioni ai dettagli notturni, perché potrebbe non essere uno zaino o un kit caricabatteria, cavo usb, ma altro...
 cosa lo scopriremo domani.

Domani ci occuperemo di software e processori ma domani si sa è un altro giorno e nell'arena molte cose possono ancora succedere.

Commenti