Cambio di stagione che passione ...

La tenerezza del cambio di stagione (definitivo) e la consaoevolezza che per altri 409 anni non comprerai più niente.
L'intrigo mentale ma tenero in cui imboschi giarrettiere, bustini, camice da notti, nella speranza e nella tristezza, con qualche parolaccia a Topino.
L'ansia del dare o tenere, riutilizzare o buttare.
Le fantasie che ti vengono anche se sai che non le metterai in pratica ma l'angiscia del non si sa mai.
L'entusiasmo che ti danno certi abitini.
Desideri, paure, dubbi, pensieri a ramdom, fra una canottiera e una cintuura.
L'insensibilità tua figlia che le tue cose tutte da buttare le sue messe da parte.
Litigare pure come ritirare le mutande.
I grandi discorsi che vengono fuori dagli oggetti.
La voglia di fare altro...
Le cose da dare via che diventano parecchie.
La vita caotica che ridiventa ordinata e questo ti da speranza.

Mentre le note dei pink floyd scorrono e cristalizzano il tutto.

Commenti

  1. Ho fatto il cambio di stagione una settimana e mezzo fa. E' una di quelle operazioni che detesto nel profondo ma che tutto sommatto faccio abbastanza in fretta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi, evidentemente no. Troppa roba. Semore troppa roba.

      Elimina
  2. Ahah, mi piace quel '409 anni' :D.

    Suvvia, ogni tanto lo shopping fa bene all'animo.

    Cambio di stagione? Manca solo il cambio dei pigiami (via quelli di caldo cotone dentro quelli a mezze maniche) e dei vestiti 'da casa' (idem come sopra).

    Comunque sono un ordinatore\organizzatore compulsivo, ahhaah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi delle accomulatrici seriali 😂😂😂😂

      Elimina
  3. Con questo post rendi entisiasmante il brutto e noioso cambio di stagione. Ciao Anna.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, neanche per me è stata una passeggiata di salute. Svriverne mi ha permesso di sopportare^^

      Elimina

Posta un commento