Alla fine di tante parole, di tanti discorsi, del torto e della ragione, il dolore al petto e il sapore di cose perdute  restano solo a me e nessuno me lo può togliere, tranne chi me li ha provocati e  il tempo. E così sia.