psicopativi fissi

14 gen 2018

Non era la mia Polonia.

Per consacrazione di questo anno sabbatico non giustifico più. Prendo atto dei comportamenti e li gestisco come meritano.
Sono una bella persona (senza peccare di immodestia) e NON vado trattata male.
Io non tratto male e non voglio più essere trattata male.

Se una persona con cui ho condiviso tanto non sente più la necessità di condividere la sua vita con me e non sente manco la mia mancanza.
Basta.
La vendetta di consumerà quando non troverà un'altra con lo stesso feeling mentale, lo stesso amore per le stesse cose e la stessa attrazione.

Io non sono una persona che di arrende, non sono abituata, non riesco, è un pregio che diventa difetto, ma ad un certo punto non è resa e rendersi conto di aver sbagliato completamente guerra.

Forse è ribadisco forse non era la mia Polonia. E bho.





10 commenti:

  1. Bene bene.
    Siamo alla resa dei conti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro è la resa del mio animo sul mio cervello... Ma poi non credere mai agli innamorati, ai pazzi e ai bambini hanno sempre quella speranza nascosta da qualche parte che sbuca sempre fuori quando meno te lo aspetti.

      Elimina
  2. Citando Gaber, la lontananza è l'unica vendetta, è l'unico perdono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vendetta è sempre solo dimenticare (per me)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ma più che altro piedino che tocca l'acqua... La via la vedo ancora lontana 😖

      Elimina
  4. Prima o poi si deve arrivare esattamente a questo punto qui. Più amore per se stessi, meno giustificazioni inutili per gli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah sì infatti anche se è difficilissimo non credere all'ultima giustificazione (creata da me no fornita da lui) fa meno male.

      Elimina
  5. Ci stai ancora molto male, devi staccarti, secondo me, non in modo graduale ma più diretto. O meglio la gradualità va bene ma dopo un primo scossone più deciso, altrimenti è dura.

    RispondiElimina
  6. Ogni cosa a suo tempo. Comunque mi sono data un anno e un anno aspetterò.

    RispondiElimina

Pagine

“Vorrei avere avuto più fiori che cicatrici nel cuore.
Ma alla fine si è ciò che la vita t'insegna ad essere.”

Italiani, popolo di commentatori, tuttologi, blogger e sognatori^^

Scarica Curriculum