Sperare o non sperare! Questo è il dilemma!!

Lei cercava di convincere se stessa che comunque qualsiasi cosa le avesse detto lui, guardandola negli occhi, non avrebbe cambiato in alcun modo il suo non volerlo perdonare. Salvo, se le avesse detto quello che lei voleva sentirsi dire.
Eppure lei sapeva o per meglio sentiva che in quei occhi che le avrebbero detto la reale verità sapeva che ci sarebbe stata sia pure sentenza ma anche giustizia e speranza. Sì, la morte della speranza stessa che avrebbe portato morte nell'immediato ma vita nel futuro.
Oppure un contr'ordine speciale, in cui finalmente guardandola negli occhi avrebbe capito che era un pazzo furioso a volerla perdere.
Invece no. Così ella passava le sue giornate sulla lama del non gli interessa neanche concludere al forse non è pronto, devo ancora attenderlo.
Sperava che un giorno sarebbe giunto di nuovo a lei, ma poi pensava che non era giusto farle vivere quel terribile dolore, se poi non era finita neanche per lui. A che pro? Sì rispondeva a quella domanda, Pensando che quella di lui fosse solo paura e che per lui un reset avrebbe potuto far nascere tutto dal nulla di nuovo.
In verità voleva solo che tornasse. Non voleva altro anche se era dilaniata in se stessa.
Sapeva che nel suo cuore c'era ogni bene per lui, anche se fosse rimasto lontano da lei ma concedergli il perdono non le sembrava giusto per se stessa che non gli aveva mai fatto nulla di male con consapevolezza o premidatazione.
Perdonare chi non sapeva di dover essere perdonato o peggio a chi non interessava essere perdonato era inutile. Non era giunto, quindi non interessato oppure no?





Commenti

  1. La passione è sempre irragionevole. La Speranza deve fondarsi su una base ragionevole.

    RispondiElimina
  2. L'istinto di Lei le disse di dover aspettare il compimento dei 5 anni. Quindi ancora un 1 anno e mezzo. Intanto la vita farò il suo corso per entrambi.

    Io suppongo questo.

    RispondiElimina
  3. La speranza è figlia della fiducia ed è madre dell’ amore.
    Buona giornata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Infatti non abbandono le mie speranze in chi non crede in esse. Sono convinta che ci sia bisogno di riimparare a respirare e quando il respiro non vuol tornare, semplicemente lasciarsi attraversare dal dolore. Esso passerà e il respiro tornerà. È stato sempre così è sempre sarà così.

    RispondiElimina

Posta un commento